Parole Guerriere Seminari Rivoluzionari non ha più senso di esistere oppure è diventato, a questo punto, ancor più necessario?

#PG nasce nel ’17 grazie a DiegoDalila e Marco per rianimare la Rivoluzione Culturale all’interno del MoVimento 5 Stelle.

La convinzione storica, spirituale e politica era ed è che delle azioni veramente rivoluzionarie, quindi coerenti con gli intenti “anti-sistema” esternati nel famoso discorso di Beppe Grillo del ’13 a Piazza San Giovanni a Roma, potessero scaturire solo grazie ad un rinvigorimento ed una evoluzione incessante di un pensiero e di una parola (un linguaggio) rivoluzionaria, nel rispetto dell’ineludibile dinamica: pensiero-parola-azione.

Inutile dire che molte cose sono cambiate nel cammino.

MA come abbiamo spiegato nel vari Seminari,
“cambiamento”, “sistema”, “crisi” sono termini neutri, dobbiamo capire bene di cosa stiamo parlando.

Compito della Politica è proprio quello di tracciare un sentiero nell’ambiguità della Storia.

Ogg il MoV. si trova in palese e grave crisi identitaria, ma tutte le crisi possono, in potenza, essere il preludio di cicli ancor più positivi. Questo dipende da quale senso/direzione si voglia dare alla crisi stessa.

Si può essere allo stesso tempo rivoluzionari/anti-sistema e di governo?

Era proprio questa la sfida delle sfide di questo secolo appena iniziato.
Era proprio questa la sfida che a marzo 2018 il gruppo dirigente ha accettato essendo la forza politica più votata col 33% e non potendosi tirare indietro dalla responsabilità di provare a dare un governo al Paese.

Ci stiamo riuscendo?

La nostra azione governativa é davvero incisiva o risulterà come aver spolverato all’esterno una macchina di cui si voleva cambiare motore ed itinerario?

Da dove ripartire? Non sarà il caso di ripartire con una rivoluzione interna? Rimettere in discussione tutto, da alcune idee di base risultate errate ad alcuni strumenti che sono risultati inefficaci, falsi, controproducenti?

Parole Guerriere Seminari Rivoluzionari non ha più senso di esistere oppure è diventato, a questo punto, ancor più necessario?


Diego Antonio Nesci

Trovatore ed attivista politico www.politicadellabelleza.it

Lascia un commento